In ogni nostro progetto teniamo in considerazione il Margine di difficoltà e di rischio che sono insiti nel fare impresa. I rischi inevitabilmente legati al fare impresa possono essere scritti nel business plan: noi non ignoriamo il fatto che qualche ostacolo può intromettersi nella realizzazione dell’idea poichè nella realtà di fatto è sempre così. Il business plan serve anche per riflettere su eventuali ostacoli, e sulle strategie che si possono adottare per superarli, o al limite per gestirli: fare finta che l’idea che si vuole trasformare in un’azienda è priva di ostacoli e possibili rischi non aiuta a prevenire le difficoltà. Infatti, dopo avere evidenziato la fattibilità e la convenienza economico-finanziaria dell’idea, è opportuno armarsi di sano realismo e considerare gli eventuali rischi. Siamo persone realiste che hanno a che fare con imprenditori i quali spesso “dimenticano” di considerare alcuni aspetti critici del loro business, che invece vanno considerati perchè rischiano di comprometterlo! Il mettere in evidenza alcuni rischi all’interno del business plan è un indicatore di consapevolezza (poichè significa che l’imprenditore conosce bene il suo mercato…) e anche un indice di obiettività che può essere sicuramente apprezzato da eventuali persone interessate a condividere il business, magari con l’apporto di finanziamenti.